!--hZOE8rYgajxJaILLHsSZy7Q7m2w --> Sottovuotostinto

sabato 31 luglio 2010

Ora dico... un poesia...


Questi versi che seguono sono un mio breve e piccolo divertisment per descrivere quanto sono disperso e sparso nel mio animo. Mi sono divertito molto a scriverlo e spero vi divertiate al leggerlo.


Spirito

In una strada a senso unico,
Stretta e sdrucciolevole,
Mi sento a stento unito,
In sintonia, con il mio spirito.
Infatti, è sparito e tento di acchiapparlo sopra un tetto,
Ma al tatto è unto e dall’aspetto sparuto.

Non pensavo, poi, sarei arrivato a tanto:
Gli ho sparato (al mio spirito)!
Ora, facendo un sunto dell’accaduto,
Non essendo io un santo,
L’ho messo in un canto, l’essere mio spaiato,
E gli ho così detto: “Io sono da te attratto
E con te fuori ho il sentore di essere spiato.
Quindi senza troppo “sciato”, mentre fino a dieci conto,
Rientra in me, secondo naturale contratto, così che io sarò con te ratto!”

Arrivai a contare a cento, ma lui, sciatto,
Pur dicendogli: “ MI HAI ROTTO!!!”, se ne stava lì ritto nel vento
Senza fare uno scatto, etereo, zitto,
Quasi fosse pronto a pagare lo scotto.
Gli urlai facendomela sotto “GUARDA CHE NON MENTO!!!”
E’ un attimo! Di rabbia monto premendo il grilletto lento…
… tutto sto’ casotto e lo mancai,“CHE TONTO!”

lunedì 28 giugno 2010

NESSUN TELEGIORNALE HA AVUTO IL PERMESSO DI DIFFONDERE QUESTA NOTIZIA


Questo è il copia incolla di una email che gira. Pubblico perché, a mia opinione, esiste il diritto di ognuno ad avere notizia delle decisioni prese dai propri governanti.
Ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d..L. 733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D'Alia (UDC) identificato dall'articolo 50-bis: "Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet"; la prossima settimana Il testo approderà alla Camera come articolo nr. 60.
Questo senatore NON fa neanche parte della maggioranza al Governo...

In pratica in base a questo emendamento se un qualunque cittadino dovesse attraverso un blog (o un profilo su fb, o altro sulla rete) CRITICARE che verrebbe visto come una istigazione ad infrangere una legge che ritiene ingiusta, i providers DOVRANNO bloccarne il blog o il sito.


Questo provvedimento può far oscurare la visibilità di un sito in Italia ovunque si trovi, anche se è all'ESTERO; basta che il Ministro dell'Interno disponga con proprio decreto l'interruzione dell'attività del blogger, ordinandone il blocco ai fornitori di connettività alla rete internet. L'attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro 24 ore; pena, per i provider, sanzioni da 50.000 a 250.000 euro.

Per i blogger è invece previsto il carcere da 1 a 5 anni oltre ad una pena ulteriore da 6 mesi a 5 anni perl'istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all'ODIO (!) fra le classi sociali.
MORALE: questa legge può ripulire immediatamente tutti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta.

In pratica sarà possibile bloccare in Italia (come in Iran, in Birmania e in Cina) Facebook, Youtube e la rete da tutti i blog che al momento rappresentano in Italia l'unica informazione non condizionata e/o censurata.

ITALIA: l'unico Paese al mondo in cui una media company (Mediaset) ha citato YouTube per danni chiedendo 500 milioni euro di risarcimento.

Con questa legge non sarà più necessario, nulla sarà più di ostacolo anche in termini PREVENTIVI.
Dopo la proposta di legge Cassinelli e l'istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra meno di 60 giorni dovrà presenterà al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al "pacchetto sicurezza" di fatto rende esplicito il progetto del Governo di "normalizzare" con leggi di repressione internet e tutto il sistema di relazioni e informazioni che finora non riusciva a dominare.

Mentre negli USA Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet, l'Italia prende a modello la Cina, la Birmania e l'Iran.
Oggi gli UNICI media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati la rivista specializzata "Punto Informatico" e il blog di Grillo.

Fatela girare il più possibile per cercare di svegliare le coscienze addormentate degli italiani perché dove non c'è libera informazione e diritto di critica la "democrazia" è un concetto VUOTO.

documentazione diffusa da
Coordinamento degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
http://www.perlapace.it/ <http://www.perlapace.it/>

domenica 9 maggio 2010

Murrey, la mia caccola nel mercato globale....


Ci sono momenti in cui ci si sente ingabbiati e incasellati. Questo a me è accaduto quando sono stato considerato un numero, una merce o una semplice caccola nel mercato globale. Sono stato la forza lavoro e mi sono identificato in tutti quei terrificanti numeri messi in colonna, nei casellari, nelle procedure. Per fortuna è stato solo un attimo. Beh non proprio un attimo. Si è trattato di un attimo che è durato fino alla scadenza di un contratto di lavoro. Contratto a cui si rimane attaccati come delle cozze... Anche se quello che fai ti fa venire voglia di vomitare e le budella ti si rimescolano ogni volta che ti chiudi la porta di casa dietro alle spalle. Gli unici momenti felici sono quelli in cui esci dal lavoro.

A qualcuno forse piace e interessa essere incasellato e sapere di essere inquadrato entro certi confini. Avere un ruolo nella società forse dovrebbe dare un certo grado di serenità e soddisfazione.
Si l'indefinito spaventa tutti (credo). Ma forse più che di tutti è meglio che parli di me. L'indefinito mi spaventa da morire, ma ancora di più mi spaventa diventare solo un dente di un ingranaggio. E allora in alcuni casi ben venga la confusione, il dolore, la ribellione, la perdizione. Perdersi per poter crescere è una delle strade che si possono scegliere.

In queste poche righe volevo provare a sussurrare all'orecchio della mia coscienza tutto questo. Murrey è per me la caccola del mercato globale, ma prima o poi diverrà uno splendido merdone che inizierà a scardinare e cambiare il modo di pensare.

Morte di un semplice impiegato

Sul lato dell’asfalto,

Fuori da ogni civiltà,

Fuori da ogni carità

É un prato.


Murrey non si muove, coricato

E accasciato

Su erba in bianco e nero,

Si scuote di dosso

Il corpo

Intorpidito davanti

A mega-maxi-mini schermi.


Ha scavato

In una scura cavità nasale

E nel collo di una verde, buia,

Bottiglia liquefatta.

Ha tranquillamente dormito

Sul capezzolo del bel seno,

Senza vegliare

Al capezzale del buon senso,

Ed è stato

Dimenticato

Nelle tasche fra le monete,

Nel cassetto fra le tue mutandine

O forse nel miasma anticoncezionale?


Si è svegliato in un fosso,

Emarginato solo per una notte,

E lo hanno spogliato

Dei suoi nuovi panni sporchi.

Ora cammina sull’asfalto

Con in mano la combinazione

Per una morte in serie inscatolata,

Che la disperazione tiene ai suoi polsi

Costretta.

domenica 25 aprile 2010

Sti' vulcani islandesi.... ma quante ne sanno


Lo so che arrivo tardi, ma preferisco arrivare dopo, con calma. Tanto chi mi corre dietro? Non si poteva volare. Non che dovessi prendere un aereo, io camminavo prima e continuo a farlo.
Ho trovato su C@c@o il quotidiano delle buone notizie il link a questo filmato. Il vulcano che ha fatto fermare l'Europa ha messo in crisi anche i giornalisti. Si chiama Eyjafjallajökull e per scriverlo ho dovuto fare un copia e incolla. Quanti dei nostri, nei vari tg, si sono avventurati, con il macete tra i denti (così forse la pronuncia risulterebbe migliore), nella giungla fonetica del nome di questo vulcano islandese? Se ne avete sentito uno fate un fischio.

Si parla dei soldi persi e delle persone rimaste negli aeroporti a dormire, ma si parla anche delle persone che si sono organizzate nei modi più svariati per tornare indietro. La natura ha avuto la meglio sull'uomo anzi, ha avuto la meglio sugli amenicoli da lui (o lei) creati. L'uomo (o la donna) però si è attivato(a) e ha ripercorso vecchie strade. Si, mi direte: "Anche gli amenicoli, come la rete, sono serviti ad affrontare l'emergenza e a organizzarsi". Non volevo disprezzare la tecnologia, mi scuso se non ho misurato le parole.
Comunque la sostanza di quello che volevo dire è che in tutto questo ci saranno stati dei lati positivi. Qualcheduno avrà conosciuto l'amore
della sua vita in aeroporto.
Uno scambio di sguardi al check-in mentre comunicavano che i voli venivano cancellati. Qualche ora a disposizione per conoscersi. Sicuramente un'opportunità unica per interagire. Situazioni del genere possono essere stimolanti. Chi sa quante vite nuove vedranno la luce per questa eruzione?
Ho sentito anche di gente che ha preso il taxi dalla Norvegia. Un po' caruccio! Qualcun altro ha cercato di condividere macchine per tornare a
casa. Quindi anche il car pooling ha avuto un'impennata in questi giorni. C'é stata il boom delle video conferenze per chi aveva riunioni improrogabili.
Cavoli sono state risparmiate tonnellate di CO2 e si sarà fatta la felicità di molte persone grazie a questo santo vulcano. Ci vorrebbero eruzioni vulcaniche così un po' più spesso.

P.S. Lo so che ho perso il filo rispetto al filmato qui sopra, ma dai, era solo una scusa per farvi prendere qualche minutino e cazzeggiare (stavate lavorando da troppo tempo)

mercoledì 31 marzo 2010

Il lato buono della tristezza



Questa mattina ero seduto sul divano e nel relax più totale mi stavo leggendo "Internazionale". Sfogliando velocemente le pagine incontro un titolo che attira la mia attenzione: Il lato buono della depressione. Un'inchiesta di Jonah Leher su come la depressione e i disturbi mentali possano essere guardati sotto un'altra luce. Infatti, secondo alcune teorie evoluzionistiche la depressione aiuterebbe a riflettere e concentrarsi sui problemi imminenti. Due studiosi, Andy Thomson e Paul Andrews, hanno ribaltato il modo di vedere la questione. Lo stato depressivo ci permette di essere più analitici e di analizzare la situazione che ci ha fatto sentire male visualizzando le diverse sfaccettature dell'evento traumatico che ci ha colpito. Semplificando si può dire che impariamo dai nostri errori. L'articolo poi sviluppa l'idea che la depressione possa aiutare le persone a diventare più analitiche e a concentrarsi sulla soluzione di un problema e che aiuti la creatività.

Ora non voglio annoiarvi con tutti i dettagli, ma mi si è accesa una lampadina formato lanterna (essendo genovese, eh eh eh) leggendo una dichiarazione di Thomson: "Il problema, tuttavia, è che la nostra società considera la depressione come qualcosa che deve sempre essere evitato o curato immediatamente. Siamo così ansiosi di eliminarla che abbiamo finito per stigmatizzare la tristezza."
Andando oltre la distinzione tra la tristezza e la depressione che lascio a chi di dovere, mi viene semplicemente voglia di gridare Yahooooooo!!!!

Quello che ho capito in questi primi anni di vita (considero di essere nato tre anni fa) è che se sono triste o sto male non ho bisogno di far finta di stare da dio. Finalmente sento qualcuno che mi dice che se sono triste per qualche motivo e ci rimugino non sono pazzo. L'educazione che ho ricevuto mi ha portato spesso a dirmi: "cavoli sono triste! Ma non devo essere triste sorridi e vai avanti, su dai!" Dentro invece ci stava qualcuno che mi prendeva a calci e diceva: "Cazzo ma stai male, piangi, disperati."

Volevo solo condividere questo pensiero. Sapere che si può essere tristi e che questa tristezza è costruttiva mi dà una speranza per un futuro più sereno (e magari più felice). Camminando nella giungla maestosa della vita ci si può ferire e si può ferire qualcun altro, la "ruminazione mentale" (traducibile in pippe mentali) può servire a non ripetere gli stessi errori. Se andate avanti sorridendo tutta la vita prima o poi vi partiranno i punti del lifting.

Un abbraccio. Con sincera tristezza
Matteo

domenica 21 marzo 2010

Alberi sulla schiena... un metodo per tornare alla realtà



La realtà era che non avevo nessuna esperienza di come ci si comporta quando si fa un lavoro di questo tipo, ma ora ho una maggiore consapevolezza: ho imparato che non bisogna mettersi sulla traiettoria degli alberi che cadono. Magari questo può essere applicato anche nella vita di tutti i giorni... non parlo di schivare alberi, ma del fatto che ogni giorno si può imparare qualcosa di nuovo, anche dalla situazione più noiosa (se non altro capiamo cosa ci annoia).
In queste ore di fatica, sudore e segatura che si depositava su di me sotto la pioggia mi sono sentito veramente bene. Il lavoro fisico e la fatica mi permettono di annullare ogni pensiero. Concentrarsi sul lavoro che si sta svolgendo e sentire il proprio corpo e i muscoli doloranti scatenano in me un senso di pace. Lavorare senza fretta, ma seguendo il proprio respiro e valutando le possibilità del proprio fisico. Lavorare e vivere con lentezza continua a darmi un senso di pienezza.
Vi chiederete se sono masochista. Non più di molta altra gente. Pagare la palestra per ammazzarsi di fatica per me è da masochisti. Se mi ammazzo di fatica almeno lo faccio con uno scopo, la legna servirà a scaldare qualcuno durante l'inverno. Tra le altre cose non pago per farlo e nelle pause posso fare due chiacchiere con qualcheduno che non parli solo di quanto si è pompato oggi.
So solo che stare all'aria aperta e farmi un mazzo tanto (per usare un francesismo da boscaioli) mi ha fatto vedere la realtà per quello che è. Mi ha fatto vedere anche chi sono e quanto posso imparare. Non che desideri farmi cadere un albero sulla schiena ogni giorno, ma mi fa piacere sapere che li posso anche schivare.

Un saluto a tutti e... godetevi il bosco!

martedì 16 marzo 2010

Il Pranzo


Mi ricordo con gioia i pranzi in campagna con la mia famiglia. Una famiglia abbastanza numerosa, un grande e bel calderone pieno di caratteri diversi. Quelle giornate avevano qualcosa di magico e di rituale. Si preparava insieme il pranzo e la tavola, ognuno era impegnato e si condividevano nei piccoli gesti la vita. Era tutto molto semplice, ma allo stesso tempo, almeno ai miei occhi, tutto assumeva una grandissima importanza. I gesti e il lavoro dei singoli erano tutti mirati a creare un momento di condivisione profonda.

Queste splendide giornate, che hanno dato un colore caldo alla mia infanzia, hanno fatto si che io consideri il cibo non solo benzina per il corpo, ma anche benzina per l'anima. Mangiare è un piacere e una preghiera allo stesso tempo. Scherzare e ridere intorno a un tavolo è stato il modo per poter conoscere realmente le persone che sono importanti per me.

Quindi BUON APPETITO!

IL PRANZO

Non toglietemi

Un tavolo lungo,

E ridatemi

La gente che schiamazza

Che mastica, sputazza

Ravioli fatti a mano

Distesi là in cucina.


Distesi al sole

Dai pugni del vino,

Che ridono,

I grandi si stiracchiano

E ammazzano il caffè,

Non portano cinture

E si lasciano volare.


Ridatemi

Uomini e donne

Sbracati

Non voglio colletti tirati,

Ma l’ebbrezza del sole,

La coscia dell’agnello

Che unge le mie orecchie,

L’unta tovaglia

Che porta il vero sapore

Di allegro sudore

E si immerge nel sugo

L’odore

Dei commensali di vita.